Disabili morti nell’Istituto autopsia per fare chiarezza

mhjgyu
 Disabili morti nell’Istituto sotto accusa
Il pm ordina l’autopsia per fare chiarezza

Due decessi «sospetti» nel fine settimana al reparto 11 degli Istituti Polesani di Ficarolo

FICAROLO (ROVIGO) – Disabili morti in istituto nel fine settimana: la procura di Rovigo ha disposto l’autopsia per entrambe le morti sospette avvenute al reparto 11 degli Istituti Polesani di Ficarolo. Si tratta della struttura sanitaria per disabili salita alla ribalta lo scorso 20 giugno quando la squadra mobile rodigina arrestò in carcere nove operatori sociosanitari e un dirigente medico per maltrattamenti sugli ospiti. Le due persone morte in istituto sono Riccardo Tammiso, 51enne rodigino, e il 50enne di origini sarde Pierpaolo Nonnis.

Il primo è deceduto in ospedale a Rovigo sabato scorso dopo essere arrivato il giorno prima. A destare sospetti è stata la condizione del suo ricovero. Tammiso è entrato al «Santa Maria della misericordia» con un trauma cranico molto esteso, e i medici dell’ospedale non hanno potuto salvargli la vita nonostante un lungo intervento chirurgico. Pierpaolo Nonnis, invece, era nella struttura sanitaria altopolesana da decenni per problemi psichiatrici congeniti. L’uomo è stato trovato senza vita nella sua camera attorno alle tre di sabato notte dal personale degli Istituti polesani durante i normali controlli.

Quando i suoi familiari, però, hanno visto la salma in camera mortuaria all’ospedale «San Luca» di Trecenta hanno notato qualcosa di anomalo. Ovvero alcuni lividi sul viso e sul collo. La procura di Rovigo, informata, ha disposto l’autopsia anche per questo caso. Al momento, comunque, non ci sono iscritti nel registro degli indagati e i due casi non sembrano aver elementi in comune nonostante entrambi fossero ospiti del nucleo 11 degli Istituti polesani.

Share this post

No comments

Add yours